AMBIENTE: PECORARO, 2007 SVOLTA SOLARE E 2008 LOTTA AGLI ECO-REATI.

ROMA – Il 2007 “é stato l’anno della svolta sul solare”. Lo ha detto il ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, tracciando un bilancio del 2007 e parlando degli obiettivi 2008. Per il 2008 tre i grandi capitoli di intervento. In primo piano l’approvazione del provvedimento contro gli eco-reati. Quindi l’iter per completare la riforma del Codice dell’Ambiente e il clima. Ecco a grandi linee l’eco-bilancio 2007 e gli obiettivi del 2008 secondo il ministro dell’Ambiente, Pecoraro Scanio.

BILANCIO 2007:
- SOLARE: anno della svolta. “Il più alto tasso di crescita del fotovoltaico nel mondo” con gli incentivi conto energia. Sono 500 gli impianti per le scuole e c’é stato il bando per le piccole e medie imprese. Inoltre, accordi con Lazio, Calabria e Puglia per tre centrali solari a concentrazione;
- CODICE AMBIENTALE: varate le nuove norme su valutazione di impatto ambientale, valutazione ambientale strategica e rifiuti. “Invertita la tendenza alle infrazioni comunitarie e accorciato i tempi per la valutazione dei progetti”;
- BONIFICHE: ripartito il meccanismo delle bonifiche. Sbloccati i fondi per Napoli est, Bagnoli, Marghera e Brindisi. Rimesso in movimento Gela con un accordo con l’Eni per l’acqua potabile ai cittadini e acqua destalinizzata per l’impianto. Interventi anche nel Sulcis-Iglesiente, Crotone, Acna di Cengio.
- DIFESA SUOLO: 241 milioni di euro per 330 cantieri
- PARCHI: tolti i commissariamenti per i parchi nazionali “di intesa con le regioni”. Ne resta solo uno, il Gran Sasso. Tolto il limite del 2% alla spesa pubblica che bloccava i fondi. Quattro i nuovi parchi nazionali in Sicilia e tre nuove aree marine protette in Campania. Per le aree marine stabilizzato il precariato di circa 150 dipendenti;
- ECO-MOBILITA’: sbloccati 90 milioni di euro l’anno;
- BIODIVERSITA’: varato decreto Rete Natura 2000 per tutelare zone a protezione speciale e siti di interesse comunitario;
- ABUSIVISMO: istituito fondo per demolizione degli Ecomostri.

OBIETTIVI PRINCIPALI 2008:
- ECOREATI: approvare la normativa varata nel 2007 che prevede pene severe contro i delitti ambientali;
- CODICE AMBIENTALE: completare la riforma;
- CLIMA: varare entro marzo il piano nazionale di riduzione della Co2 con il coinvolgimento delle Regioni. Far partire il fondo rotativo per Kyoto “ancora un po’ incagliato” e piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici;
- VERDE: far partire i 150 milioni di euro in tre anni per piantare 60 milioni di alberi entro la legislatura;
- PRECARIATO: al via il “1/o concorso in 20 anni nel settore ambientale” per circa 400 persone. Riguarderà l’Apat
- ECOLAVORO e RICERCA: più spazio all’innovazione soprattutto nel campo dell’energia pulita, dell’efficienza energetica e della nuova impiantistica sui rifiuti senza emissioni.
da : ansa

Leave a Reply