Possiamo fare la differenza.


Possiamo fare la differenzaGli utenti PS3 sostengono la ricerca sulla malattia di Parkinson, il morbo di Alzheimer e alcune forme di cancro.

Sony Computer Entertainment Inc. (SCEI) ha reso noto che da quando PLAYSTATION 3 ha preso parte al progetto Folding@home della Stanford University il 22 marzo 2007, il numero totale di utenti registrati ha superato il milione. Ciò significa che, a livello mondiale, si sono registrati a Folding@home circa 3000 utenti PS3 al giorno, vale a dire due ogni minuto.

“Da quando abbiamo cominciato a collaborare con SCEI, le nostre capacità di ricerca sono aumentate considerevolmente grazie alla partecipazione degli utenti Folding@home” afferma Vijay Pande, Professore Associato di Chimica alla Stanford University e responsabile del progetto Folding@home. “Adesso gli utenti PS3 che partecipano a Folding@home supera il milione e ciò ci permette di affrontare traguardi prima impensabili a livello computazionale, con l’obiettivo di trovare la cura ad alcune fra le malattie più mortali al mondo. Siamo davvero grati a tutti gli utenti di PC e PS3 per la loro straordinaria partecipazione”.

Folding@home è un progetto che punta alla comprensione dell’avvolgimento proteico e di come questo sia legato ad alcune malattie e ad alcune forme di cancro. Un avvolgimento proteico incorretto può portare a serie conseguenze, fra cui malattie note come il morbo di Alzheimer o quello di Huntington, la malattia di Parkinson, numerosi tipi di cancro e vari tipi di sindromi tumorali.

Prima dell’apporto di PS3 iniziato nel 2007, il progetto Folding@home sfruttava la potenza computazionale distribuita dei personal computer di utenti privati. Adesso, una rete di circa 10 000 PS3 può svolgere lo stesso lavoro di una rete di circa 100 000 PC e ciò permette di ridurre i tempi delle simulazioni di ricerca, passando da alcuni anni ad alcune settimane. Infatti, a soli sei mesi di distanza dall’ingresso di PS3 il progetto Folding@home è riuscito a raggiungere un petaflops*, una tappa informatica fondamentale che non era stata mai raggiunta prima da una rete di calcolo distribuito. Il 16 settembre 2007 Folding@home è stata inserita nel Guinness dei primati come la rete di calcolo distribuito più potente al mondo.

Attualmente, gli utenti PS3 costituiscono circa il 74% del teraflop di potenza computazionale raggiunto dal progetto Folding@home. Per ulteriori informazioni, visita il sito Web ufficiale all’indirizzo scei.co.jp/folding/en/.

* Un petaflops è l’abilità di un computer di effettuare un quadrilione di FLOPS, ossia operazioni in virgola mobile eseguite in un secondo (FLOPS).
da : ps3

Leave a Reply