Samms : il depuratore in polvere

Solo due parole ….

Una polvere bianca che può assorbire più della metà del suo peso di mercurio,questa e’  una tra le importanti invenzioni che mi ha piu’ colpito, quella che ha vinto la sezione green tech del Popular Scienze magazine a fine 2009.

Samms questo e’ il nome datogli dal suo scopritore , la Steward Advanced Materials inc dopo 15 anni di ricerca , una polvere bianca che può ottenere  100 volte più pulita l’acqua contaminata dal mercurio meglio di qualsiasi altro metodo, per circa la metà del costo. Ogni granello è in realtà una spugna frutto di ricerche di ingegneria molecolare, destinato ad assorbire mercurio più della metà del suo peso  .

Si tratta di una sostanza , molecole di silice assemblati in un modello spugnoso di buchi, in grado di eliminare gli agenti contaminanti dalle acque , attraverso una serie di reazioni chimiche che fanno in modo che i granelli si leghino al fattore inquinante ,in particolar modo ai metalli pesanti come il mercurio .

In pochi minuti ,e’ stato provato, vengono assorbiti il 99% dei metalli pesanti , ha la capacita’ di aumentare il suo volume nell’atto di assorbimento  del 60 % , opera in un ampio intervallo di pH, non e’ sensibile a piu’ sostanze organiche, soddisfa i requisiti di TCLP, consente il recupero dei metalli e adsorbenti, ha raggiunto i livelli di uscita di 1-2 ppt quando lo si utilizza  sul mercurio.

Tale capacita’ si puo’ provare efficacemente  nella purificazione delle acque dei laghi e di tutti i corsi d’acqua che vengono inquinati dagli scarichi industriali di diverse industrie produttive , nonche’ di quelle dei condotti fognari.

La speranza dei ricercatori è quella di trovare il modo di rimpiazzare gli atomi di zolfo ,che formano i legami veri e propri, con quelli di altre specie chimiche per catturare anche i rifiuti radioattivi, rendendo cosi’ piu’ sicuri e puliti gli impianti nucleari. Infatti le cartucce Samms possono anche recuperare i metalli preziosi come il rame e oro.

Tutto questo mi ricollega alle moltissime catastrofi ambientali che purtroppo vediamo ogni giorno,non da ultima quella del fiume Landro e del Po di questi giorni in Italia .

Ho voluto dare luce a questa importantissima scoperta , una fra tantissime , nella speranza che vengano usate nel bene per la salvaguardia della natura che ci ospita.  E’ a questo che serve l ricerca nei suoi molteplici campi.

Leave a Reply