Col Drusciè observatory Helmet Ulrich: il cielo nei nostri pc.

“We make the Deep Sky easier to catch”. Col Drusciè observatory Helmet Ulrich- 12°06’15″East – 46°32’32″North m.1780

Sabato 13 marzo 2010, in occasione della giornata conclusiva dell’Anno Internazionale dell’Astronomia, e’ stato  inaugurato ufficialmente a Cortina d’Ampezzo “Astroweb System”, il sofisticato ed innovativo sistema di controllo via Internet del telescopio “Vittore Maioni” dell’Osservatorio astronomico del Col Drusciè. Si tratta del primo sistema in Europa, e del secondo al mondo, che permette di riprendere immagini del cielo stellato semplicemente collegandosi al sito Internet www.astrowebsystem.org , anche dal proprio iPhone! Una vera e propria rivoluzione nel modo di fare astronomia: accessibile a chiunque, in qualunque parte del mondo, senza dover installare nessun programma aggiuntivo sul proprio Personal Computer.

Con Astroweb System l’utente potrà presiedere autonomamente in diretta all’intera gestione del controllo del telescopio, uno Shmidt Cassegrain di 30 cm di diametro: dall’apertura della cupola, al puntamento dello strumento verso l’oggetto desiderato, alla ripresa di immagini con diversi filtri o a colori, fino all’archiviazione ed allo scarico delle immagini sul proprio computer di casa. Un sofisticato sistema di gestione delle emergenze meteo permetterà di chiudere automaticamente la cupola in caso di pioggia o semplice copertura nuvolosa, cosicché l’utente non dovrà assolutamente preoccuparsi di nulla, pensando solamente a divertirsi nel riprendere i più spettacolari oggetti del cielo stellato.

La Grande Nebulosa di Orione, la Galassia di Andromeda, le Plejadi e tanti altri oggetti famosi o anche più elusivi, saranno facile “preda” di coloro che desiderano scoprire le meraviglie del cielo stellato con i propri occhi, ma standosene comodamente seduti davanti al proprio computer di casa.

Basterà per l’utente registrarsi alle pagine di Astroweb System  e acquistare il numero di ore di osservazione desiderate, utilizzandole a proprio piacimento durante l’arco dell’anno.

Il rivoluzionario sistema di controllo remoto via Internet è stato progettato e realizzato per conto dell’Associazione Astronomica Cortina da due esperti informatici: l’Ing. Sergio Pascolini di Perugia, che già aveva realizzato una decina di anni fa l’automazione degli osservatori di Perugia e del telescopio Helmut Ullrich del Col Drusciè, e Alessandro Fucelli, di Arezzo, per la parte web.

I finanziamenti per la realizzazione di Astroweb System sono venuti dalla Regione del Veneto, dal Comune di Cortina d’Ampezzo e dalla Cassa Rurale ed Artigiana di Cortina d’Ampezzo e delle Dolomiti. Le parti hardware per il controllo delle strumentazioni sono frutto del talento italiano in questo settore; è stata infatti la ditta Robox di Novara a fornire il controllore, i motori e gli encoder che presiedono a tutte le operazioni di puntamento del telescopio. Il collegamento ADSL con l’osservatorio viene invece garantito da un ponte wireless fornito da Bluwireless, la società che ha predisposto, per conto del Comune di Cortina, la rete Internet wireless della conca ampezzana.

Preziosa la collaborazione: Emilio Da Val, di Valle di Cadore, per l’adattamento della parte meccanica, la ditta di elettroinstallazioni FDA di Cortina per la parte elettrica e l’Ing. Giandomenico Mucci, di Perugia, per l’assistenza nell’installazione del sistema di rete dei computer dell’Ossrvatorio.

L’inaugurazione del nuovo sistema Astroweb è stata voluta proprio nel giorno in cui Galileo Galilei, 400 anni fa, pubblicò nel “Sidereus Nuncius” i risultati delle sue rivoluzionarie osservazioni effettuate con il primo cannocchiale puntato in cielo.

Anche quella di Astroweb può essere considerata una rivoluzione nel modo di fare astronomia, rendendola finalmente accessibile a migliaia di appassionati, curiosi e studenti che finora non avevano i mezzi e/o le possibilità logistiche di osservare con propri strumenti il cielo stellato. Ora sarà possibile, ad esempio a qualsiasi scolaresca da qualunque parte del mondo, organizzare una lezione di astronomia con l’ausilio del telescopio remoto del Col Drusciè, riprendendo immagini in diretta proprio durante la lezione.

L’Osservatorio Astronomico del Col Drusciè “Helmut Ullrich” è situato a Cortina d’Ampezzo, nel cuore delle Dolomiti, a 1780 mt. di quota. All’interno delle due cupole, trovano posto un telescopio Newton di 50 cm. di diametro ed uno Schmidt Cassegrain Celestron 11”. L’Osservatorio del Col Drusciè è visitato annualmente da centinaia di appassionati, studenti e curiosi, i quali possono ammirare le meraviglie del cielo da una postazione molto privilegiata, con un cielo estremamente limpido e bassissimo inquinamento luminoso. Il sofisticato ed innovativo sistema di controllo via Internet “Astroweb” presiede all’intera gestione della nottata: dal puntamento, alla ripresa, alla gestione delle emergenze meteo, fino all’archiviazione ed allo scarico delle immagini sul proprio computer di casa. I ricercatori dell’osservatorio si occupano principalmente di studi riguardanti le comete ed osservazioni di galassie per la ricerca di supernovae. Nell’ambito del programma C.R.O.S.S. (Col drusciè Remote Observatory Supernovae Search program) sono già state scoperte una trentina di supernovae ed un pianetino, chiamato “Cortina d’Ampezzo”.

da : astroweb

Leave a Reply