Draghi: “Troppo alti i tassi di mutui e credito al consumo”.

I tassi di interesse applicati dalle banche per i mutui e il credito al consumo restano troppo alti. Il Governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, nel suo intervento all’assemblea annuale dell’Abi, lancia un monito chiaro agli istituti di credito: «Sono necessari passi avanti», perchè «sia per i mutui, sia per il credito al consumo, i tassi di interesse praticati dalle banche in Italia sono più elevati rispetto a quelli dell’area euro su operazioni simili». In particolare, osserva il numero uno di Via Nazionale, per i mutui a tasso fisso, verso cui si è determinato uno «spostamento...

read more

SICUREZZA ALIMENTARE.

Ok del Parlamento Ue a quattro proposte di regolamento. STRASBURGO. Il Parlamento Ue ha dato il via libera alle quattro proposte di regolamento formulate dalla Commissione europea riguardanti additivi, aromi e enzimi presenti negli alimenti. Sollecitando più garanzie per i consumatori, specie in materia di trasparenza, i deputati chiedono che se queste sostanze sono derivate da OGM vi sia una chiara indicazione in etichetta. Il ricorso a tali sostanze, come i coloranti, dovrebbe poi essere consentito solo se non comporta rischi per la salute e non inganna i consumatori in merito agli...

read more

La ritirata tattica dei sindacati dal tavolo sulle pensioni.

Perché nelle notte tra il 26 ed il 27 giugno, la trattativa sul futuro (a breve e medio termine) della previdenza è stata dichiarata chiusa senza esito? Perché a sbattere la porta sono stati quei sindacati (o più precisamente quella parte dei sindacati) che aveva appena incassato un successo superiore alle aspettative in materia di aumenti delle pensioni più basse (ivi compresa l’”una tantum” così vicina al “risarcimento sociale” di cui parla, dimenticando il proprio ruolo istituzionale, il Presidente della Camera Fausto Bertinotti)? Perché ci si è accaniti tanto sul nodo dello “scalone”...

read more

il caos regna sovrano nel mondo dei telefonini

Ti ricarico col trucco. Dopo il taglio dei costi voluto dal governo, le compagnie telefoniche si attrezzano. Alzando le tariffe. Ma non solo. A due mesi dal decreto Bersani, il caos regna sovrano nel mondo dei telefonini. Gli operatori hanno preso il taglio dei costi di ricarica come una iattura, piangendo su centinaia di milioni di euro di danni e affrettandosi a cambiare le tariffe, fino al punto da sollevare i mugugni delle Autorità del settore. Che adesso cercano di sistemare le questioni in sospeso: come quella del credito residuo delle schede prepagate. È una delle...

read more

l’italia che resta indietro…sempre!

La metà degli italiani non usa Internet. I dati della ricerca AcNielsen presentata oggi a Roma. Nell’era delle tecnologie il 52% degli italiani non usa ancora Internet. E parliamo di qualcosa come 26.6 milioni di italiani. Se poi si analizza quel 31% che rappresenta la reale “avanguardia tecnologica” si assiste ad un’ulteriore suddivisione: a fronte di un 14% della popolazione (qualcosa come 7.4 milioni di italiani) che abbina un uso consapevole, interattivo ed evoluto delle tecnologie con un’elevata propensione al consumo di contenuti culturali (sono i...

read more

E’ un’aria malata !

I dati dei rapporti del Cnr e dell’Organizzazione mondiale della sanità "In Italia il 20% della mortalità è riconducibile a cause ambientali prevenibili" Ambiente, un morto su 5 dovuto allo smog. Otto milioni gli italiani in zone ad alto rischio. ROMA – In Italia un decesso su cinque è dovuto a cause ambientali prevenibili, in primo luogo lo smog. e sono fra i 6,4 e gli 8,6 milioni gli italiani che vivono in zone inquinate, ad alto rischio per la salute. Considerando però solo i comuni inclusi in 54 Sin, i siti di interesse nazionale...

read more